LR 48/28.12.1973 UMBRIA

 

 

L’ATTO ╚ SUDDIVISO IN 0019 UNIT└ DOCUMENTO

FONTE

BOLLETTINO UFFICIALE REGIONALE 31 12 1973 N. 45


 


 

 

PREMESSA

Il Commissario Regionale ha approvato.

Il Commissario del Governo ha apposto il visto.

Il Presidente della Giunta Provinciale promulga la seguente legge:

TITOLO ATTO

Programmi di rimboschimento, di riassetto del territorio, opere di bonifica montana e di difesa del suolo.

TESTO

 

ARTICOLO 1

Le disposizioni della presente legge dono dirette a realizzare con interventi di carattere straordinario - nel triennio 1973-75 - programmi di rimboschimento e di riassetto del territorio boschivo, opere di bonifica e di difesa del suolo, in armonia con il programma di sviluppo economico - sociale della regione.

 

ARTICOLO 2

Realizzazione delle opere.

Nell’ambito del territorio regionale, saranno realizzate con interventi straordinari, le opere previste da successivo art. 3, in base a programmi annuali predisposti dalla Giunta regionale di intesa con gli Enti delegati.

 

ARTICOLO 3

Natura degli interventi.

Le opere di cui all’art. 1 consistono in:

rimboschimento dei terreni nudi e cespugliosi;

ricostruzione e rinfoltimento dei boschi degradati;

consolidamento delle pendici franose e dissestate;

sistemazione e miglioramento dei pascoli e dei prati - pascoli;

sistemazione idraulico - forestale e relative opere manutentorie;

prevenzione e difesa dagli incendi boschivi;

difesa ANTI-parassitaria;

ampliamenti del demanio forestale regionale;

costituzione, potenziamento e gestione dei vivai forestali;

l) opere infrastrutturali.

 

ARTICOLO 4

Delega e affidamento esecuzione opere.

Le funzioni amministrative connesse alla realizzazione degli interventi di cui all’art. 3 sono delegate alle ComunitÓ montane della regione.

Nell’esercizio di tali funzioni le ComunitÓ montane dovranno rispettare le direttive che verranno stabilite dalla Giunta regionale secondo le finalitÓ di cui all’art. 1.

Le comunitÓ montane utilizzeranno, compatibilmente con la normativa che ne regola l’occupazione, mano d’opera precedentemente impiegata fagli Ispettorati forestali, dall’Azienda di Stato per le foreste demaniali e dai Consorzi ed Enti di bonifica montana.

 

ARTICOLO 5

Dichiarazione di pubblica utilitÓ delle opere.

Le opere previste al precedente art. 3 possono, dalle Amministrazioni delegate di cui al precedente art. 4, essere occupati per tutta la durata dei lavori e fino a che non sia assicurato l’esito delle colture.


 


 

ARTICOLO 6

Dichiarazione di pubblica utilitÓ delle opere.

Le opere previste al precedente art. 3 sono dichiarate di pubblica utilitÓ, indifferibili e urgenti.

 

ARTICOLO 7

Criteri di indirizzo d3lle funzioni delegate.

Per l’esercizio delle competenze stabilite nel secondo comma del’art. 4, i criteri di indirizzo saranno fissati dal Consiglio regionale.

 

ARTICOLO 8

Finanziamento della spesa

 

Il finanziamento delle spese e la relativa copertura finanziaria, per gli anni 1973, 1974, 1975 Ŕ descritto

negli articoli 8.1, 8.2, 8.3, 8.4, 8.5, 8.6, 8.7, 8.8, 8.9.

 

ARTICOLO 9

Disposizioni transitorie

 

La delega di cui all’art 4 della presente legge avrÓ effetto con decorrenza dal 1 gennaio 1975.

Sino a tale data, fermo restando le norme di cui all’art 7, le funzioni amministrative saranno esercitate dai competenti organi ed uffici regionali i quali per la realizzazione delle opere potranno stipulare apposite convenzioni con enti ed istituzioni operanti nel territorio.

 

ARTICOLO 10

Dichiarazione di urgenza.

 

La presente legge regionale Ŕ dichiarata urgente ai sensi e per gli effetti dell’art 127, secondo comma, della Costituzione e dell’art 65 dello Statuto regionale ed entra in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione. La presente legge regionale sarÓ pubblicata sul Bollettino Ufficiale della regione. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare.


HOME OIKOS   BACK