LEGGE REGIONALE N. 61 DEL 29.97.1981 TOSCANA
 
BOLLETTINO UFFICIALE REGIONALE 7.8.1981 N. 43
 
"MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA LR N. 17/80".

 


 
ARTICOLO 1
Il 6 comma dell’art. 10 della L.R. 15.3.1980 n. 27 è soppresso e così sostituito:
La superficie complessiva delle aziende faunistico - venatorie non può superare il 5% del territorio agro - forestale della Provincia. E’ data facoltà alle Amministrazioni Provinciali di proporre alla Regione la deroga a tale limite in considerazione di particolari esigenze di ordine produttivo connesse al mantenimento e miglioramento degli ambienti a fini faunistici, ovvero per fatti di rilevante interesse naturalistico.
Limitatamente alla stagione venatoria 1981 - 82, la deroga di cui al precedente comma è concessa con deliberazione della Giunta regionale.
 
ARTICOLO 2
Il 7 comma dell’art, 10 della L.R. 15.3.80 n. 17 è soppresso e così sostituito:
La superficie di un’azienda faunistico - venatoria non può essere inferiore a 400 ha. Le aziende faunistico - venatorie non possono essere contigue: tra loro deve intercorrere, di norma, la distanza di mt. 1000;
tale distanza non può comunque essere inferiore a mt. 500. Uguale distanza deve essere rispettata con i confini di strutture faunistiche pubbliche e private in atto al momento della costituzione dell’azienda faunistico - venatoria.
Le aziende faunistico - venatorie che abbiano, nei loro piani faunistici, incluse alcune delle principali specie della grossa selvaggina europea (capriolo, cervo, daino, muflone) possono essere contigue ad altre strutture faunistiche pubbliche.
 
ARTICOLO 3
Al termine della lett. c) del 1 comma dell’art. 38 della L.R. 15.3.80 n. 17 aggiungere:
Analoga sanzione si applica per chi esercita senza autorizzazione la caccia nelle aziende faunistico - venatorie o nelle aree a regolamento specifico.
 
ARTICOLO 4
L’articolo 41 della L.R. 15.3.80 n. 17 modificato dalla L.R. 15.5.80 n. 54 è soppresso e così sostituito:
I numeri d’ordine 15 e 16 del titolo II della tariffa annessa alla L.R. 15.5.80 n. 54, sono così modificati:
Licenza di appostamento di caccia
a) fisso L. 20.000
b) fisso ai colombacci L. 40.000
c) fisso ai palmipedi L. 180.000
d) aree allagate artificialmente per appostamenti fissi ai palmipedi, per ogni ha. L. 10.000
Nota: gli appostamenti fissi di caccia devono essere autorizzati ogni anno prima dell’uso, previo pagamento della sopra indicata tassa. Sono appostamenti fissi di caccia quelli che presentano le caratteristiche previste dalla presente legge.
Numero d’ordine 16
Concessione di costituzione azienda faunistico - venatoria, per ogni ha.
Tassa di rilascio L. 8.000
Tassa annuale L. 2.000
Nota: la concessione e il rinnovo di azienda faunistico - venatoria sono disciplinati dalla legge 27.12.77, n. 968 e dalla presente legge. Le tasse sono ridotte alla misura di 1/10 di quelle dovute quando i territori delle concessioni suddette sono ubicati in ambiti territoriali classificati montani, disagiati o depressi ai sensi della L.R. 7.9.77 n. 71.
Le tasse devono essere corrisposte entro il 31 gennaio dell’anno cui si riferiscono.
 
La presente legge è pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare come legge della Regione Toscana.
La presente legge dichiarata urgente per gli effetti e con le modalità di cui al 2 comma dell’art. 127 della Costituzione e dell’art. 28 dello Statuto, entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione.
Firenze, 29 luglio 1981.
La presente legge è stata approvata dal Consiglio Regionale il 15 luglio 1981 ed è stata vistata dal Commissario del Governo il 28 luglio 1981.

HOME OIKOS   BACK