Il Giornale
Roma Cronaca
Giovedì, 20 agosto 1998

 

Dopo il rogo nella valle dell'Insugherata

Allarme incendi
An accusa il Comune "E' inefficiente"

Il parco dell'Insugherata a Vigna Clara, vittima di un incendio domato nel pomeriggio di ieri, scatena le polemiche del gruppo circoscrizionale di An. La XX accusa Comune e Regione di non essersi curati della riserva tralasciando l'ordinaria manutenzione. "La totale inefficienza del Campidoglio nella prevenzione contro gli incendi - dichiarano Ludovico Todini e Stefano Cazzola (An) - ha causato un danno difficilmente quantificabile per la natura e l'importanza del parco stesso". Appena riapriranno i lavori del consiglio della XX Circoscrizione, todini e Cazzola chiederanno al sindaco e al prefetto il potenziamento per i Vigili del fuoco che operano nella XX. "Vogliamo che ci siano più uomini e mezzi - dichiarano ancora - e che si predispongano colonnine di rifornimento idrico in tutto il territorio circoscrizionale".

Il presidente della circoscrizione , Marco Daniele Clarke, chiede l'intervento della magistratura per accertare l'eventuale natura dolosa dell'incendio di ieri e per indagare sulla responsabilità colposa di chi avrebbe dovuto predisporre le misure necessarie per prevenire quanto è successo. L'assessore regionale all'ambiente Giovanni Hermanin chiede invece alla magistratura di appurare la natura dolosa soprattutto degli incendi divampati nelle aree protette.

Enzo Minissi, presidente dell'associazione ambientalista Oikos, polemizza con l'atteggiamento dell'assessore. "Invece di fare una seria autocritica per quanto sta succedendo - dichiara Minissi - Hermanin rilascia alla stampa dichiarazioni allarmistiche sui presunti attacchi alle aree protette. Sono tre anni che denunciamo inefficienze e irregolarità nell'organizzazione antincendio della regione Lazio e chiameremo Hermanin a rispondere davanti alla magistratura delle sue affermazioni. Se sa qualcosa deve dirlo, altrimenti sta zitto e cominci a lavorare seriamente". Anche il segretario dell'Oikos, Alfonso D'Ippolito, si scaglia contro Hermanin. "La natura dolosa degli incendi - dichiara - è un dato acquisto ormai da anni. Strano che Hermanin lo scopra adesso, invocando solo ora un controllo del territorio che il suo stesso assessorato ha contributo a smobilitare". Intanto il Wwf chiede la mappatura dei terreni andati a fuoco, per impedire di costruire per dieci anni sulle aree bruciate. "Verdi Ambiente e società" propone infine l'istituzione di una task force di tecnici della Forestale, della regione Lazio, delle provincie e dei comuni interessati.


HOME OIKOS BACK