"Corriere della Sera" Lunedý 22 giugno 1998

 

Arriva il caldo, Ŕ allarme incendi

L'estate, stagione degli incendi, mette a dura prova i vigili del fuoco. Le fiamme si sono propagate nei pressi del Grande raccordo anulare, all'altezza della Roma-Fiumicino e della Magliana, a Santa Maria delle Mole, lungo il Parco degli acquedotti sulla via Appia. A bruciare sono state soprattutto sterpaglie, ma piccoli incendi si sono verificati anche in alcuni prati della zona di Centocelle, sull'Aurelia nei pressi di Castel di Guido, sulla via del Mare.

I Vigili del Fuoco, oltre a spegnere le fiamme, sono costretti a combattere con il luogo comune secondo il quale il caldo causa l'autocombustione. In realtÓ, per dolo o per disattenzione, gli incendi sono comunque provocati dall'uomo. L'autocombustione Ŕ infatti un fenomeno rarissimo e appare ben difficile che, ad esempio, il Grande Raccordo Anulare possa essere il luogo dove si verifica questo prodigio della chimica e della fisica. Per questo motivo anche gli ambientalisti dell'associazione Oikos lanciano l'allarme e chiedono il rispetto scrupoloso delle norme sulla prevenzione degli incendi sancite da un'ordinanza del sindaco. Fino al 30 novembre, infatti, Ŕ vietato accendere fuochi nelle campagne. Gli ecologisti chiedono anche la proibizione di spettacoli pirotecnici in prossimitÓ delle aree verdi.


HOME OIKOS BACK