Per ben due volte ,il 20 novembre e il 10 dicembre 2003  impiegati del III Dipartimento – Demanio e Patrimonio del Comune di Roma, assistiti da Polizia Municipale, agenti di Ps, Ufficio Tecnico Municipale 
hanno cercato di sgomberare la sede dell’Oikos di Roma.

Solo l’intervento della Prefettura di Roma ha sospeso l’operazione.

L’intervento è stato disposto per eseguire la  determinazione dirigenziale  del 1999 che l’Oikos ha giudicato profondamente illegittima 
e che non è stata  ancora  discussa presso il TAR del Lazio. 
In più, il funzionario che l’ha firmata è stato, per questo,  da tempo
denunciato alla procura della repubblica di Roma.
E' in preparazione un’ulteriore denuncia che ipotizza il reato di falso, abuso, associazione per delinquere e interesse privato in atti d’ufficio .

E’ gravissimo, inoltre,  cacciare l'OIKOS per consegnare "contestualmente" i locali dove svolge la sua attività ad un’organizzazione da noi stessi indicata come al centro di finanziamenti miliardari legati a partiti politici che governano la città .

Contro l’episodio e per la trasparenza delle assegnazioni delle sedi destinate ad attività socialmente utili, Azione Sociale Federazione

di circa cento organizzazioni del terzo settore, in gran parte operanti a Roma, il 23 dicembre ha promosso una manifestazione in piazza del Campidoglio

 contro la gestione clientelare del patrimonio immobiliare

 del Comune di Roma, per l'immediato decentramento ai municipi.

 

 


BACK

 

 

Home Oikos | Ecologia della Mente | pagina di coordinamento | Antipsichiatria
Links | KellyMaturana | von Glasersfeld | Laing | Bateson