........................
INCENDI
BOSCHIVI

........................
NOVITÀ

........................
HOME
AMBIENTE

........................
FORUM
NATURA

........................
HOME
OIKOS

 

 

 


 

CRONACHE IL GIORNALE, Sabato 21 luglio 2001

 

PARCO DEL CIRCEO IN FUMO: DISTRUTTI VENTI ETTARI DI VERDE.  Autobotti e Canadair per domare l'incendio A provocare il rogo un cavo elettrico tranciato dalla furia del vento - Panico nelle ville vicino al mare "Ho visto quell'inferno incombere sulla mia casa e sono fuggita"

ANNA MARIA GRECO (inviato a San Felice Circeo - Latina)

Le fiamme che minacciano le ville del Monte Circeo, venti ettari di parco naturale che bruciano, gravi danni, almeno otto ore di lavoro per domare l'incendio con autobotti, elicotteri e Canadair. Erano anni che non si ricordava un disastro così a San Felice, il paesino sulla montagna della maga Circe. L'allarme è scattato alle 8 del mattino. "Mi sono svegliata sentendo un forte crepitio - racconta la signora Manuela, proprietaria di una villa affacciata sul mare a Quarto Caldo - e quando ho guardato fuori ho visto fiamme altissime. Ho chiamato subito i vigili del fuoco: mi hanno assicurato che le prime autobotti stavano accorrendo da Latina e Terracina. Io, però, ho preso tutta la famiglia e sono scappata giù in paese per precauzione". Hanno fatto così in molti, mentre il forte vento estendeva l'incendio dalla strada del sole verso l'alto della montagna. Ai vigili del fuoco e alle guardie forestali sono arrivate decine e decine di telefonate allarmate di gente che si era svegliata con il fuoco quasi alle porte. All'inizio si è parlato di un fatto doloso, perché questa zona del Monte Circeo è stata interessata diverse volte in passato da incendi sospetti. In seguito, però, si è fatta strada una seconda e più probabile ipotesi: sembra che un cavo elettrico, tranciato forse dalla stessa furia del vento, sia caduto nelle sterpaglie provocando la prima scintilla. Nelle ville di Quarto Caldo, infatti, per un certo tempo si è interrotta l'erogazione elettrica. Dopo le 11 la pioggia ha dato una mano a Guardie Forestali e vigili del fuoco, ma il vento continuava a soffiare e se a metà giornata la battaglia sembrava vinta, poi si è scoperto che un nuovo focolaio aveva riattivato le fiamme. Ancora per tre - quattro ore uomini e mezzi hanno dovuto lavorare per domare definitivamente l'incendio. Un incendio che suscita anche delle polemiche, come è successo tante altre volte. L'associazione di volontariato Oikos propone "un sistema capillare di vigilanza e prevenzione in tutto il territorio". Secondo gli ambientalisti sono ancora molte le regioni e i Comuni dove si trascurano interventi di prevenzione". Scandalosa è definita ad esempio la situazione del Comune di Roma "dove la Giunta Veltroni ha annunciato per il 2002 un folle impiego di risorse (un miliardo e 200 milioni) per impiegare d'estate un numero maggiore di giardinieri, piuttosto che prevedere una maggiore tutela e cura delle aree verdi e delle riserve naturali protette".

 

 

     

INIZIO
PAGINA

 

HOME AMBIENTE | NOVITÀ AMBIENTE | FORUM NATURA | HOME OIKOS