........................
INCENDI
BOSCHIVI

........................
NOVITÀ

........................
HOME
AMBIENTE

........................
FORUM
NATURA

........................
HOME
OIKOS

 

 

 


 

Corriere della Sera
Mercoledì, 5 luglio 2000
pag. 9

 

Brucia la pineta di Ostia, fumo su Roma

Incendio doloso distrugge 100 ettari di macchia, 15 intossicati. Muoiono tra le fiamme 8 cavalli

ROMA - Brucia a 24 ore la pineta di Castelfusano, 1.100 ettari sul litorale di Ostia, non lontano dalla tenuta presidenziale di Castelporziano. In fiamme la macchia mediterranea e gli alberi d'alto fusto, la vegetazione ridotta a un cumulo di cenere, spenta ogni forma di vita. Il fuoco ieri sera aveva già distrutto più di 100 ettari e non era stato ancora domato. Quattrocento vigili del fuoco e oltre tre mille tra poliziotti, carabinieri, agenti della Guardia di finanza, dipendenti del Comune di Roma e della Protezione civile, volontari hanno lottato tutto il giorno, invano, contro le fiamme. In serata il prefetto, Enzo Mosino, ha chiesto l'intervento dell'esercito, mentre il ministro dell'Agricoltura Alfonso Pecoraro Scanio ha proposto un decreto legge anti-piromani.

Quindici tra anziani e bambini sono rimasti intossicati a causa del fumo che ha avvolto Ostia ed è arrivato fino al centro di Roma, in piazza San Pietro, abbandonata per alcuni minuti dai turisti già stremati dal caldo.

Evacuati un asilo e cinque palazzine con un centinaio di inquilini, distrutte venti auto i cui serbatoi di benzina sono scoppiati. Nel pomeriggio le forze dell'ordine hanno dovuto sgomberare il camping "Country Club", che ospita per lo più immigrati ma, in questa stagione, anche turisti. Il fuoco ha ridotto in cenere le strutture del campeggio e una casa colonica, oltre alle baracche sparse nella pineta, dove vivono soprattutto extracomunitari polacchi. Questi, disperati, sono fuggiti in bicicletta, il loro abituale mezzo di trasporto.

Che cosa ha dato il via a un disastro di tali proporzioni? I soccorritori non hanno dubbi, come non ne ha l'assessore all'Ambiente del Campidoglio, Loredana De Petris: "L'incendio è sicuramente doloso. Abbiamo trovato rotte tutte le bocchette dell'acqua, installate proprio contro le fiamme. Probabilmente sono state distrutte con un martello". Della stessa opinione è il direttore della tenuta di Castelporziano, Valerio Cicoria: "L'incendio è fortemente doloso, non c'è alcun dubbio".

Un uomo e una donna con due taniche - erano stati notati dell'ufficio Giardini del Comune - sono stati fermati dai carabinieri. I primi focolai sono scoppiati lunedì sera. e, sottolinea l'assessore De Petris, "in almeno dieci punti diversi e lontani, un'altra caratteristica del dolo". Fino alle 13.30 di ieri i soccorritori sono riusciti a controllare le fiamme ma poi, complice lo scirocco con raffiche a 70 chilometri l'ora, l'incendio è divampato con tutta la sua forza devastante. Il fumo non ha disturbato l'attività del "Leonardo da Vinci", ma i treni che arrivano all'aeroporto sono stati bloccati in due riprese tra le 15.30 e le 17. Chiuse la Cristoforo Colombo e la statale Pontina, con gravissime ripercussioni sul traffico, fermi alcuni autobus e i pullman diretti a sud di Roma, stracolmi di pendolari. Atroce la fine di otto cavalli dei circoli ippici Castel Fusano, che sono morti carbonizzati a causa dell'incendio.

I soccorsi sono stati coordinati dall'unità di crisi istituita dal prefetto nella sede del Comando provinciale dei vigili del fuoco. Per combattere l'incendio il Comune, l'Ama (Azienda municipalizzata ambiente), i pompieri e la Protezione civile hanno inviato 45 autobotti, due idroschiume, sei ambulanze e un centro mobile di rianimazione. Sul posto anche due elicotteri e due Canadair, costretti a rifornirsi nel lago di Castelgandolfo a causa del mare agitato.

L'incendio non ha mancato di suscitare polemiche. L'associazione Oikos ha definito "insufficienti" gli uomini e mezzi impiegati a Castelfusano. Legambiente ha stigmatizzato "la consueta impreparazione" di ogni estate, mentre il Wwf si è chiesto "chi c'è dietro alla strategia del fuoco". E a Ponza militari americani hanno provocato un incendio in una delle zone più suggestive dell'isola, sparando un razzo da una barca per festeggiare il giorno dell'indipendenza.

 

     

INIZIO
PAGINA

 

HOME AMBIENTE | NOVITÀ AMBIENTE | FORUM NATURA | HOME OIKOS