........................
INCENDI
BOSCHIVI

........................
NOVITÀ

........................
HOME
AMBIENTE

........................
FORUM
NATURA

........................
HOME
OIKOS

 

 

 


 

 

IL GIORNALE 
venerdì, 7 luglio 2000
Roma Cronaca, pag. 41

 

L'OIKOS DENUNCIA

 

Un'inchiesta giudiziaria sulle inadempienze del Comune in materia di normativa vigente sulla prevenzione. A sollecitarla è stata l'Oikos che ieri ha chiesto le dimissioni dell'assessore all'Ambiente del Comune, Loredana De Petris, e la mobilitazione dell'esercito per controllare le aree verdi a rischio. L'associazione ha criticato le dichiarazioni dell'assessore sottolineando che la Pineta di Ostia è la zona più sorvegliata d'Italia. A presidiare i 1.100 ettari ci sono infatti i trenta uomini del Servizio giardini, quelli della forestale, vigili urbani e volontari. "Ora bisognerebbe vedere quanti di questi erano in servizio di pattugliamento al momento dell'incendio - spiegano i portavoce dell'Oikos -, non si possono comunque incolpare i vigili del fuoco o la forestale per carenze nella sorveglianza. La legge 37, infatti, dice che spetta ai Comuni il compito di attuare gli interventi di sorveglianza, prevenzione, avvistamento e intervento sui focolai iniziali. I Comuni devono inoltre costituire squadre di volontari per svolgere questi compiti. Ma quello di Roma non l'ha fatto e per di più paga gli straordinari ai dipendenti del Servizio giardini che, invece di tagliare le erbacce, causa degli incendi, vengono messi a sorvegliare i roghi. I responsabili dell'amministrazione sono i primi colpevoli per quanto è accaduto. Per questo più di una volta abbiamo denunciato il Campidoglio". Per l'Oikos, infine, l'idea di mettere taglie per individuare i piromani, finirebbe solo per alimentare episodi di sciacallaggio e calunnie.

 

     

INIZIO
PAGINA

 

HOME AMBIENTE | NOVITÀ AMBIENTE | FORUM NATURA | HOME OIKOS