| Esiste un legame significativo tra suicidio e Prozac|

 
 
 

 

From: "PROXIMA" <proxima@neurolinguistic.com>
Subject: David Healy licenziato per aver parlato male del Prozac - Protestano i Professori...anche due Nobel

 

Il Prof.David Healy è stato licenziato dopo aver tenuto una conferenza in  cui rimarcava un legame significativo tra suicidio e Prozac. Se questo è vero forse ha pesato anche il fatto che sovente egli è perito di parte nelle cause legali contro i farmaci SSRI, in particolare ha fatto vincera la causa "Donald Schell", un signore che dopo 2 settimane di paroxetine ha sterminato tutta la sua famiglia e poi si è suicidato; la relazione presentata da Healy al processo e gli altri documenti li trovate sul sito degli avvocati Vickery & Waldner al seguente url http://www.justiceseekers.com 

Il Prof. David Healy non ha detto nulla che già non si sapesse. In un rapporto "Freedom of Information Act", del 1993, tra le reazioni avversive del Prozac recepite alla FDA ci sono: delirio, allucinazioni, convulsioni, violenta ostilità, aggressione, psicosi, 1.885 tentati suicidi e 1.734 decessi di cui 1.089 per suicidio. Gli estimatori delle  statistiche della Food and Drug Administration sostengono che questi dati sono una sottostima del 10% del problema. Se ben ricordo questi dati riguardano gli USA e sono relativi agli anni 1985-1993.

Riporto in calce l'ansa italiana sulla conferenza di Healy, un articolo sulla causa legale che egli ha intentato contro l'Università e un articolo in cui si riportano le proteste del mondo accademico su questo grave fatto che metterebbe in luce i condizionamenti che le case farmaceutiche possono esercitare su certe Università creando dubbi sulla credibilità della ricerca Universitaria mettendo inoltre in pericolo la libertà di pensiero e di azione dei Professori e ricercatori. 

Claudio Ajmone
Osservatorio Italiano Salute Mentale - www.neurolinguistic.com/oism 

 

BACK

 

Home Oikos | Ecologia della Mente | pagina di coordinamento | Antipsichiatria
Links | KellyMaturana | von Glasersfeld | Laing | Bateson